Invito alla lettura


Lo stesso amore
di Maria Luisa Mangoni

Home Catalogo

Carmine BorrelliCarmine (Nello) Borrelli è nato a Racale (LE), ha studiato al Liceo Ginnasio “G. Palmieri” di Lecce ed è laureato in Scienze Politiche ...

Beppe ChiericiBeppe Chierici, attore poliedrico, spazia con successo in ogni genere di spettacolo, lavorando con i più importanti registi (Comencini, ...

Gli autori
Inviti alla lettura
Tu non spezzi la canna incrinata

Le poesie di G.Mangano non vanno lette ma ascoltate. Solo così è possibile cogliere nelle spezzature del verso, nelle sospensioni indicate dal punto, nelle riprese delle ...

Ultime pubblicazioni
C'era una volta

In un colloquio intimo con la madre, l’autore ne rievoca la vita insieme a un tempo che non c’è più: luoghi, persone, costumi che appartengono alla nostra storia recente anche se, nel confronto con il presente, appaiono ...

Autore:

Pagine:

Anno:

110

Genere:

2022

Lo stesso amoreLo stesso amore


di Maria Luisa Mangoni


Per tutti, con l’età, viene il momento di guardare indietro, alla propria vita, a ciò che si è stati, a ciò che si è fatto, nel bene e nel male. E’ il momento dei bilanci che, per i più consapevoli, è anche riscoperta di un equilibrio tra gioie e dolori, questi ultimi forse più facilmente riconoscibili, mentre le prime vanno trovate con la mente e il cuore di oggi. Anche Maria Luisa Mangoni, maestra elementare già da molti anni in pensione, ha sentito il bisogno di raccontare la sua vita, “un saliscendi di bene e male, un raggio di sole seguito da una tempesta turbolenta” come lei stessa scrive nell'introduzione.

Il racconto è vivace e coinvolge il lettore fin dalle prime pagine, rivelandogli un mondo che oggi non c’è più: la Gubbio di una volta con le sue botteghe, i suoi odori, i borghi circostanti dove il tempo era scandito dai ritmi della stagione e delle feste religiose. Una vita semplice e a volte dura, che l’autrice sa rievocare con nostalgia ma con la consapevolezza che essa appariva bella solo ai suoi occhi di bambina.

Sullo sfondo il fascismo, la guerra e i primi anni della ricostruzione. In primo piano figure forti di donna, prima fra tutte la madre dell’autrice, di cui sono rievocate l’autorevolezza e la severità mentre, in strano contrasto, il padre impersona nel ricordo l’indulgenza e la tenerezza.

Un libro che si legge volentieri per ritrovare un po’ del nostro passato.

Vai alla scheda del libro nel catalogo

Vi invitiamo alla lettura di...