Invito alla lettura


Niente di nuovo sotto il sole eccetto Gesù
di Nomask Cesarscoin

Home Catalogo

Diego FoisDiego Fois è un ragazzo aspirante-uomo-giardiniere nato a Foligno il 10 Gennaio del lontano 1986. Lavora in una piccola azienda che si occupa ...

Ausilio ZanzottiMons. Ausilio Zanzotti è nato a Vacone (Rieti) nel 1916. Dal 1959 è Parroco della Chiesa di S. Cristoforo a Terni. È presidente della ...

Gli autori
Inviti alla lettura
Le cartoline satiriche di Giovanni Meschini a Terni durante la I Guerra Mondiale

Cento anni fa, a Terni: vigilia della Prima Guerra Mondiale. Un giovane professore di Disegno e Calligrafia, romano d’origine ma ternano di adozione, Giovanni Meschini, dà ...

Ultime pubblicazioni
Nostalgie e Ricordi

Si può fare a meno della poesia? Maura Fiorini crede di no. Dice che ha provato a non scrivere più ma dopo un po’ l’urgenza si è fatta sentire e “ha dovuto tirare fuori quello che aveva dentro”. Questo libricino è quindi il ...

Autore:

Pagine:

Anno:

46

Genere:

2019

Niente di nuovo sotto il sole eccetto GesùNiente di nuovo sotto il sole eccetto Gesù


di Nomask Cesarscoin


“Non c’è niente di nuovo sotto il sole”: queste parole di Qoèlet, il saggio re di Gerusalemme, sono il punto di partenza del nuovo lavoro di Nomask Cesarscoin, da tempo impegnato a offrire a chi lo legge spunti di riflessione che aiutino nel difficile cammino della vita. L’uomo di Qoèlet, ci dice, “era stordito come un viandante davanti a un vicolo cieco”. Ma con Gesù è venuta la Novità che cambia tutto il punto di vista dell’uomo. Guardare il mondo con occhi nuovi è possibile a chi si mette sulle orme di Gesù e del suo Vangelo.

Tornano anche in questo libro i temi a cui Nomask Cesarscoin ci ha abituati: la ricerca di un senso da dare al nostro agire, la possibilità di sconfiggere il male con l’amore, la speranza nel futuro. Ritroviamo anche le caratteristiche tipiche della sua scrittura: discorrere incalzante, ironia, paradosso, metafore come elementi atti a dare maggiore forza e incisività al ragionamento.

Come in altre sue opere, il discorso parte dal commento puntuale di passi evangelici tra i più significativi, la resurrezione di Lazzaro, il figliol prodigo, la parabola dei talenti - per citarne solo alcuni - per giungere alla realtà di oggi, alla situazione della famiglia, alle dimissioni di Benedetto XVI e all'onestà e alla razionalità consapevole che che le hanno determinate, all’elezione di papa Francesco e alla sua perfetta unità - nella diversità - con il suo predecessore.

Una lettura per chi voglia aprire gli occhi e il cuore e non fermarsi all’apparenza.

Vai alla scheda del libro nel catalogo

Vi invitiamo alla lettura di...