Invito alla lettura


Lo chiamavano Melampo
di Antonio Ottogalli

Home Catalogo

M. Gabriella CiommeiM. Gabriella Ciommei ha coltivato fin dall’adolescenza la fotografia come sicuro rifugio, come spazio nel quale esprimere la propria ...

Pompeo De AngelisPompeo De Angelis, nato a Terni nel 1933, ha dedicato la maggior parte della sua vita professionale allo spettacolo, come autore, ...

Gli autori
Inviti alla lettura
83 scudi e 33 baiocchi

Un singolare documento dei primi anni del 1900, contenente le memorie di un reatino che fu al servizio per molti anni della famiglia Nobili Vitelleschi, è il punto di partenza ...

Ultime pubblicazioni
Tra il monte Maggiore di Narni e la montagna di Santa Croce

Resoconto delle prime ricerche svolte dagli autori su alcuni antichi siti, religiosi e civili, ubicati tra la propaggine settentrionale di Narni e la zona iniziale delle gole del Nera. Dallo studio emergono in particolare ...

Autore:

Pagine:

Anno:

106

Genere:

2020

Lo chiamavano MelampoLo chiamavano Melampo


di Antonio Ottogalli


Nuova avventura per il maresciallo Curioni e nuova fatica letteraria per Antonio Ottogalli, il suo autore. Oramai abbiamo imparato a conoscere entrambi, anche perché il primo ha i caratteri, i valori, le idee del secondo, crede che compito dell’investigatore sia la ricerca della verità, che nella vita non esista solo il bianco o il nero ma anche delle sfumature intermedie, ma che, d’altra parte, “un reato è un reato” qualunque ne siano le motivazioni.

Certo, non è difficile provare un moto di simpatia per questo maresciallo dei Carabinieri che, ribaltando l’immagine scherzosa dei militari dell’Arma, è dotato di buona cultura, intuizione e prontezza d’ingegno. Ed è capace anche di collaborare efficacemente – malgrado la tradizionale “rivalità” – con un poliziotto, in modo che, alla fine dell’indagine, la verità trionfi.

Quello del trionfo della verità, che è dovuta ma non sempre appagante per chi la cerca - anzi a volte triste o perfino misera - è il leit motiv delle opere di Antonio Ottogalli, che lasciano sempre comunque al lettore un messaggio positivo, nascosto tra le pagine. Accanto a esseri squallidi, ci sono anche persone, che riescono a mantenersi pulite e sognatrici nonostante le violenze subite, come la giovane Elena.

La narrazione è serrata, ricca di colpi di scena, entra nella psicologia dei personaggi ed è anche divertente per il linguaggio “vero”, non letterario, e spesso colorito dei protagonisti.

Vai alla scheda del libro nel catalogo

Vi invitiamo alla lettura di...