Invito alla lettura


Lo chiamavano Melampo
di Antonio Ottogalli

Home Catalogo

Antonio Francesco BarcaNasce a Oppido Mamertina (RC) nel 1989 e lì vive fino al conseguimento della maturità Scientifica. Successivamente decide di intraprendere in ...

Giorgia FischettiGiorgia Fischetti vive e lavora a Terni, dove insegna materie umanistiche presso un istituto superiore. È laureata in Storia dell’arte, con ...

Gli autori
Inviti alla lettura
Niente di nuovo sotto il sole eccetto Gesù

“Non c’è niente di nuovo sotto il sole”: queste parole di Qoèlet, il saggio re di Gerusalemme, sono il punto di partenza del nuovo lavoro di Nomask Cesarscoin, da tempo ...

Ultime pubblicazioni
La speranza

“La speranza” è la parola chiave per comprendere il sentimento che anima il nuovo libretto di poesie di Maura Fiorini pensato e scritto in tempo di pandemia, di paura e di dolore. Oltre alla sofferenza contiene l’invito ad ...

Autore:

Pagine:

Anno:

44

Genere:

2021

Lo chiamavano MelampoLo chiamavano Melampo


di Antonio Ottogalli


Nuova avventura per il maresciallo Curioni e nuova fatica letteraria per Antonio Ottogalli, il suo autore. Oramai abbiamo imparato a conoscere entrambi, anche perché il primo ha i caratteri, i valori, le idee del secondo, crede che compito dell’investigatore sia la ricerca della verità, che nella vita non esista solo il bianco o il nero ma anche delle sfumature intermedie, ma che, d’altra parte, “un reato è un reato” qualunque ne siano le motivazioni.

Certo, non è difficile provare un moto di simpatia per questo maresciallo dei Carabinieri che, ribaltando l’immagine scherzosa dei militari dell’Arma, è dotato di buona cultura, intuizione e prontezza d’ingegno. Ed è capace anche di collaborare efficacemente – malgrado la tradizionale “rivalità” – con un poliziotto, in modo che, alla fine dell’indagine, la verità trionfi.

Quello del trionfo della verità, che è dovuta ma non sempre appagante per chi la cerca - anzi a volte triste o perfino misera - è il leit motiv delle opere di Antonio Ottogalli, che lasciano sempre comunque al lettore un messaggio positivo, nascosto tra le pagine. Accanto a esseri squallidi, ci sono anche persone, che riescono a mantenersi pulite e sognatrici nonostante le violenze subite, come la giovane Elena.

La narrazione è serrata, ricca di colpi di scena, entra nella psicologia dei personaggi ed è anche divertente per il linguaggio “vero”, non letterario, e spesso colorito dei protagonisti.

Vai alla scheda del libro nel catalogo

Vi invitiamo alla lettura di...